Intervista a Kenneth Branagh “La mia infanzia era in bianco e nero, il cinema l’ha colorata”

Kenneth Branagh, ‘Belfast’ verso gli Oscar. “La mia infanzia di strada, tra candore e Neorealismo”

Con il suo film più autobiografico, appena arrivato in sala, il regista è candidato a sette statuette. Racconta la sua infanzia e i tumulti che costrinsero la sua famiglia a trasferirsi in Inghilterra

Belfast di Kenneth Branagh è figlio della pandemia.. Nei primi mesi di lockdown avevamo incontrato il regista in collegamento via Zoom, consegnava alle piattaforme Artemis Fowls, il film meno riuscito di sempre. La cosa non sembrava preoccuparlo, completamente concentrato su quello che definiva “il più personale” e che sarebbe divenuto il più importante. Belfast, appunto. Il passaggio repentino dall’infanzia all’età adulta del giovane Branagh si consuma sulle strade della città che si trasformano, quando soffia il vento dei Troubles, da luogho di giochi a zone di barricate e scontri, mentre la famiglia sarà costretta a trasferirsi in Inghilterra. Arrivato in sala con Universal, Belfast ha sette candidature Oscar: film, regia e sceneggiatura a Kenneth Branagh, gli attori “nonni” Ciarán Hinds e Judi Dench,  sonoro e canzone, Down to Joy di Van Morrison.

leggi qui l’articolo completo

2022-03-03T09:47:23+00:00